Cjalsons friulani

print

Una sera di vacanza in Friuli, dopo una lunga giornata in moto, tanta fame… e decido di provare questo piatto tipico del Friuli Venezia Giulia. Sono una rivelazione: il ripieno coniuga dolce e salato, un’usanza che questa regione integra nei propri piatti molto spesso, e che arriva come influenza dai Paese dell’Est con i quali confina. Questa versione è leggermente differente nel ripieno da quella originale, che non vede l’uso di grappa e uvetta.
Buon viaggio in cucina…

Dosi per 4 persone
Preparazione 1 ora
Cottura 1 ora
Difficoltà: media

Ingredienti per la pasta

  • 3 uova grandi
  • 300 gr farina 0
  • Un pizzico di sale

Ingredienti per il ripieno

  • 700 gr patate vecchie lessate
  • 1 cucchiaio di prezzemolo fresco tritato
  • 1 cucchiaino di menta marocchina tritata finemente
  • 1 cipolla dorata media
  • 60 gr burro
  • 2 cucchiai di pangrattato
  • 3 cucchiai di Montasio grattugiato
  • Pepe 5 colori
  • Sale

+ ricotta affumicata

Procedimento

Fate una fontana con la farina e nel centro mettete le uova e il pizzico di sale. Impastate fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo. Chiudete in un sacchetto di plastica e lasciate riposare almeno 30 minuti.

Nel frattempo sbucciate le patate, passatele allo schiacciapatate e tenetele da parte.

Sbucciate la cipolla e tritatela finemente. Scaldate in una padella con 40 gr burro, poi soffriggetevi su fiamma bassa la cipolla fino a quando sarà ben tenera. Regolate di sale e pepe e unite il prezzemolo e la menta. Fate andare il fuoco molto basso per qualche minuto, poi unite le patate e fate insaporire bene mescolando. Regolate di sale e pepe. Trasferite in una ciotola, unite il pangrattato e mescolate bene creando un composto omogeneo.

Stendete la pasta all’uovo in lunghe strisce sottili, distribuite dei mucchietti di ripieno e create i cjalsons sigillando bene i bordi.

Lessate i cjalsons in abbondante acqua bollente salata e man mano che verranno a galla scolateli e salateli in una padella dove avrete sciolto il rimanente burro. Regolate di sale e impiattate. Completate con una bella grattata di ricotta affumicata.

E siamo pronti in tavola!

Note

  • La ricetta originale prevede anche l’utilizzo di un cucchiaio di grappa e di un pizzico di cannella e zucchero nel ripieno.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *