Confettura di ananas e cocco

print

La confettura di ananas e cocco è una variante molto golosa della classica confettura con il solo ananas. In realtà è anche il bello di farsi da soli marmellate e confetture: poter variare a piacere creando abbinamenti diversi, secondo i propri gusti, anziché acquistare i soliti quattro tipi in croce messi in vendita dalle industrie.
Buon viaggio in cucina…

 

Dosi per 4 vasetti da 300 gr
Preparazione 20 minuti
Cottura 20 minuti
Difficoltà: facile
Categoria: conserve

Ingredienti

  • 1 grosso ananas maturo da circa 2,3 kg
  • 500 gr zucchero di canna
  • 32 gr gelificante per confettura (preferibilmente biologico)
  • Succo di 1 limone (mi raccomando senza i semi)
  • 4 cucchiai di cocco rapè
  • ½ tazzina da caffè di grappa di vinaccia (non aromatizzata)

 

Procedimento

Pulite l’ananas eliminando gli apici e tutta la buccia. Fate bene attenzione a togliere anche tutti gli “occhi” scuri che rimangono. Fate delle grosse fette ed eliminate il torsolo duro (che potrete tenere da parte per una bella centrifuga).

Tagliate a tocchetti e poi frullate nel mixer oppure riducete a pezzettini piccolissimi a coltello.

In una pentola a bordi alti mettete lo zucchero, il succo di limone e il gelificante, unite la polpa di ananas e mescolate bene.

Portate a bollore su fiamma media e fate cuocere mescolando per circa 10 minuti (i gelificanti naturali hanno bisogno di cotture un pochino più lunghe).

Togliete dal fuoco, incorporate la grappa e mescolate bene per eliminare la maggior parte della schiuma che si sarà creata. Unite il cocco rapè e mescolate ulteriormente, così che si amalgami in modo omogeneo.

Riempite i vasetti, chiudeteli ermeticamente e capovolgeteli per 10 minuti. Rimettete dritti i vasetti, puliteli se necessario e poneteli in luogo fresco e asciutto.

Potrete consumare la confettura dopo una settimana circa, e potrete conservarla per un anno o anche più se il sottovuoto si sarà creato correttamente. Una volta aperta la confettura va tenuta per massimo 15 giorni in frigorifero.

E siamo pronti in tavola!

Note

  • Come per tutte le preparazioni da conserva controllate prima di consumare: il profumo deve essere buono e non deve esserci presenza di muffe.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *