Cracker di farro integrale con timo ed olio extravergine di oliva

print

Quando ho voglia di uno sfizio spesso cerco qualcosa che sia anche sano, e immagino capiti anche a voi. Ecco come nascono questi cracker alla farina di farro integrale, che ho pensato di far diventare ancor più gustosi con l’aggiunta di foglioline di timo.
Buon viaggio in cucina…

Dosi per 120 cracker circa 
Preparazione 30 minuti + 2 ore 30 minuti di lievitazione
Cottura 40 minuti (totale con 2 infornate previste)
Difficoltà: facile

Ingredienti

  • 700 gr farina di farro dell’Azienda Agricola Monte Spada
  • 300 gr farina 0
  • 180 gr olio extravergine di oliva + quello per spennellare
  • 440 gr acqua minerale naturale
  • 25 gr lievito di birra fresco
  • 15 gr sale fino
  • 2 cucchiai foglie di timo fresche

 

Procedimento

Mettete le farine in una ciotola con il sale e le foglie di timo, mescolate e unite il lievito sbriciolato grossolanamente. Aggiungete l’acqua e l’olio e mescolate con una forchetta, poi trasferite su una spianatoia e impastate fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. Fatene una palla e mettete a lievitare in una ciotola (preferibilmente di plastica) coprendo con un canovaccio umido e pulito. Vi serviranno circa un paio d’ore.

Trascorso il tempo di lievitazione prendete l’impasto, dividetelo a metà e tirate la prima parte col mattarello, dando forma regolare. Punzecchiate con una forchetta la superficie (o con l’apposito attrezzo che vedete in foto, acquistabile nei negozi di casalinghi), spennellate con un poco di olio extravergine di oliva e tagliate con una rotella dentellata (noi a Bologna la chiamiamo spronella). Procedete in questo modo anche con l’altra metà di impasto.

Disponete i cracker così creati su una teglia leggermente unta sempre di olio extravergine di oliva e cuocete in forno caldo a 220° per 15 minuti, poi mettete la funzione ventilato per altri 5 minuti. Sfornate e fate raffreddare su una gratella. Se volete infornare due teglie per volta (per accorciare i tempi di cottura), posizionate una teglia nel livello più basso del forno e l’altro nel penultimo livello verso l’alto: trascorsi 10 minuti di cottura invertite le teglie e terminate la cottura come previsto. Potrebbe servire un tocco di ventilato in più per la teglia che rimane nella parte inferiore nella seconda parte di cottura.

I vostri cracker si conservano in un contenitore di alluminio chiuso ermeticamente anche per 2 settimane.

E siamo pronti in tavola!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *