Fritto di primavera con fiori di zucchina e salvia – pastella speciale con birra e farina di riso

print

Tre meraviglie di primavera, come le zucchine e i loro fiori, e le prime foglie tenere e rigogliose della salvia, tutti riuniti per un fritto insolito, che vi farà innamorare a ogni morso. Una pastella particolarmente croccante e leggera, al contempo gustosa per la presenza discreta della birra. Poi la bontà inaspettata delle foglie di salvia, che per me sono semplicemente meravigliose, oltre ovviamente ai delicati fiori di zucchina. Servila con una bella birra fredda per un aperitivo e farai certamente un figurone.
Buon viaggio in cucina…

Dosi per 4 persone
Preparazione 15 minuti + tempo di riposo della pastella
Cottura 30 minuti
Difficoltà: media

Ingredienti
12 fiori di zucchina
20 foglie grandi di salvia (quella normale, non della varietà con foglie “cicciotte” che hanno pochissimo sapore)
1 zucchina scura grande
1 uovo
100 gr farina 0
100 gr farina di riso
70 ml birra chiara
170 gr acqua minerale naturale fredda (meglio se frizzante)
Olio di semi di girasole per friggere
Sale

 

Procedimento

Inizia col preparare la pastella: in una ciotola metti le farine, poi unisci a filo l’acqua mescolando con una frusta a mano. Incorpora l’uovo e infine la birra, creando una pastella cremosa, poco più densa di uno sciroppo. Metti in frigorifero per almeno 30 minuti, mettendo il contenitore nel piano inferiore, che è il più freddo.

A questo punto sciacqua le foglie di salvia preservano un poco di gambo, poi tamponale con un canovaccio pulito e tienile da parte. Lava le zucchine, spuntale, tagliale in a metà per il largo e poi a bastoncini spessi circa 1 cm. Pulisci i fiori di zucchina eliminando con delicatezza il calice e i pistilli come vedi sotto, poi arrotola ciascun fiore su se stesso e tieni da parte.

Scalda l’olio a 180° e tenendo il fuoco medio alto. Infarina i bastoncini di zucchina scrollando l’eccesso e passa ciascuno nella pastella. Friggi pochi bastoncini per volta e quando saranno dorati, scolali molto bene e posali su alcuni pezzi di carta assorbente. Passa nella pastella anche le foglie di salvia e poi i fiori di zucchina, sempre pochi per volta, facendoli dorare bene e scolando sempre su carta assorbente.

Trasferite tutto in un contenitore ampio, salate poco prima di servire e soprattutto, consumate caldo con una bella birretta fredda.

 

Note

NON è un errore che ti abbia fatto mettere il sale nella pastella: le frittura si salano solo al memento del servizio, altrimenti si afflosciano e perdono di croccantezza.

Il riposo della pastella in frigorifero è fondamentale, perché lo choc tra freddo e caldo creerà quella che viene definita come lievitazione fisica, che consentirà di avere poi un bel fritto gonfio e croccante.

Seguitemi su Instagram

Seguitemi su YouTube

0Shares

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *