Frittura mista estiva

print

La frittura mista estiva è un piatto creato con prodotti che si trovano sui banchi del fruttivendolo in tarda primavera o inizio estate. La salvia che si usa per la frittura non è quella classica, ma è una pianticella con foglie molto più grandi e carnose che si usano specificamente per la frittura.
Buon viaggio in cucina…

 

 

Dosi per 4 persone
Preparazione 30 minuti + 30 minuti di riposo della pastella
Cottura 30 minuti
Difficoltà: media

Ingredienti per la pastella

  • 200 gr farina
  • 1 cucchiaino di lievito di birra liofilizzato
  • 1 cucchiaino di succo di limone
  • 1 pizzico di sale
  • 2,5 dl acqua minerale naturale gassata
  • 2 albumi

Ingredienti per la frittura

  • 8 fiori di zucchina
  • 20 foglie di salvia
  • 10 carciofini novelli spinosi
  • ½ limone spremuto
  • Olio di arachidi per friggere
  • Sale

Procedimento

Montate leggermente gli albumi con una frusta elettrica. Mettete in una ciotola la farina setacciata, il lievito e il sale. Unite a filo l’acqua fredda e il succo di limone agli ingredienti secchi, mescolando continuamente con una frusta a mano. Incorporate poi gli albumi, poco per volta, mescolando delicatamente con una spatola. Fate riposare in frigorifero per 30 minuti.

Nel frattempo aprite delicatamente i fiori di zucchina  e prelevate solamente il petalo, eliminando il pistillo interno e il gambo col calice. Sciacquate delicatamente e tamponate con un canovaccio pulito.

Eliminate le punte dei carciofini e le foglie esterne più dure, se presenti. Tagliateli in quattro spicchi, togliete le barbe interne se presenti e metteteli subito in acqua con un poco di succo di limone.

Sciacquate delicatamente le foglie di salvia e tamponatele. Scaldate l’olio per friggere e munitevi di carta assorbente.

Trascorso il tempo di riposo, quando l’olio sarà ben caldo, passate nella pastella i fiori di zucchina e friggeteli. Quando saranno ben dorati scolateli sulla carta assorbente, salateli e teneteli in caldo. Procedete allo stesso modo anche per i carciofini, che avrete ben sgocciolato e tamponato con un canovaccio, e infine per le foglie di salvia.

Servite tutto caldo e appena fritto.

E siamo pronti in tavola!

Note

  • Prestate molta attenzione alla temperatura dell’olio, che dovrà essere sui 180-190°: se troppo caldo brucerete l’esterno e l’interno rimarrà crudo.
  • L’accorgimento del succo di limone serve per respingere l’unto, in modo da avere un fritto leggero e non grasso.

 

0Shares

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *