Gelato alla lavanda

print

Una giornata di luglio decisamente assolata, ci fermiamo a pranzo a Valensole, nel cuore della Provenza e della lavanda in fiore, ed è stato impossibile non assaggiare il gelato alla lavanda prima di riprendere la moto per rinfrescarci un po’, ma anche perchè la curiosità era veramente tanta (il racconto di viaggio è qui). Decantato da amici piemontesi sin dall’anno precedente le aspettative erano alte, e devo dire che sono state assolutamente appagate. Il dubbio forte (almeno il mio) era che non fosse un gusto troppo forte, che ricordasse troppo una “saponetta”, e invece… una delizia assoluta. Di qui a provare la replica una volta tornata è stato un attimo, e devo dire che il risultato è assolutamente identico. L’unica differenza è che non ho utilizzato colorante, ma se voi lo desiderate, potete aggiungere un goccio di colore viola prima di iniziare la mantecatura.
Buon viaggio in cucina…

Dosi per 1 kg di gelato 
Preparazione 10 minuti + 12 ore di riposo
Cottura 10 minuti
Difficoltà: facile

Ingredienti

  • 500 ml panna fresca
  • 300 ml latte intero
  • 150 gr  Zuccherissimo (100% italiano di Italia Zuccheri)
  • 1 cucchiaino di miele di lavanda
  • 4 gr di fiori di lavanda secchi (attenzione alla provenienza, preferite quelli biologici)

 

Procedimento

Mettete i fiori di lavanda in un pentolino con il latte, il miele e lo zucchero e  portate a bollore. Spegnete il fuoco e lasciate in infusione fino a completo raffreddamento. Trasferite poi in frigorifero per 12 ore.

Trascorso il tempo di riposo filtrate lo sciroppo di latte con i fiori di lavanda, pressateli bene nel colino e tenete da parte. Semimontate la panna ben fredda, unite lo sciroppo di latte alla lavanda e mescolate delicatamente con una spatola. Mettete tutto nella gelatiera e mantecate per 30 minuti. Conservate il gelato così ottenuto in un contenitore di plastica ben chiuso e riposto in freezer. Mettete a temperatura ambiente per 30 minuti prima di servire.

E siamo pronti in tavola!

Qui trovate il racconto di viaggio “La strada della lavanda provenzale

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *