Gnocchetti fritti dolci di patate

print

Una crosta croccantissima e un interno soffice dall’aroma di arancio. Questi gnocchetti fritti dolci di patate sono assolutamente irresistibili, verranno finiti alla velocità della luce, quindi preparatene una bella quantità.

Buon viaggio in cucina…

 

Dosi per 6 persone
Preparazione 45 minuti + 2 ore di lievitazione
Cottura 1 ora
Difficoltà: media

Ingredienti

  • 300 gr farina 0
  • 300 gr patate a pasta gialla
  • 40 gr burro
  • 40 gr zucchero di canna + quello per la decorazione
  • 60 gr acqua minerale naturale
  • 2 cucchiai di scorza di arancia non trattato (vedi note)
  • Olio si semi di arachide per friggere
  • 6 gr lievito di birra secco

 

Procedimento

Lavate bene le patate e lessatele con la buccia. Poco prima di schiacciare le patate scaldate l’acqua a 40°, scioglietevi un cucchiaino di zucchero e mescolatevi il lievito. Quando in superficie si sarà creata una bella schiumina densa sarà pronto per essere utilizzato. Sbucciate le patate ancora calde e passatele calde allo schiacciapatate. Mettete 220 gr di polpa in una ciotola e unite la farina, 40 gr di zucchero, il burro fuso, la scorza di limone e il lievito sciolto in acqua. Lavorate su un tagliere ottenendo un composto omogeneo. Fatene  una palla, mettetela in una ciotola di plastica, coprite con un canovaccio umido e fate lievitare per 2 ore. Trascorso il tempo di lievitazione  create con l’impasto un salsicciotto, poi affettatelo e con ogni pezzo fare dei salsicciotti spessi 3-4 cm.

 Da qui fare dei quadrati e date velocemente e con mano leggera una forma arrotondata. Metteteli sul tagliere infarinato. Vi servirà una buona manualità, perché l’impasto risulta molto morbido, caratteristica che vi permetterà poi di avere degli gnocchetti soffici nel cuore e croccantissimi all’esterno.
 Nel frattempo scaldate l’olio, poi friggete gli gnocchetti finché saranno dorati, girandoli da ambo i lati.
 Scolatele su carta assorbente e passate ogni gnocchetto, ancora caldo, nello zucchero rimasto.

E siamo pronti in tavola!

Note

  • Al posto della scorza di arancio grattugiata potete utilizzare anche della polvere di scorza essiccata.

 

0Shares

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *