Peperoncini sottolio ripieni al tonno

print

Detti anche alla piemontese, i peperoncini rossi sottolio ripieni al tonno sono una delle preparazioni sott’olio forse più famose e consumate. Il procedimento non è complicato, ma la parte dello svuotamento dei peperoncini richiede un pochino di pazienza. Saranno spettacolari come antipasto, accompagnati da piccole crescentine o tigelle, ma anche con semplice pane abbrustolito.
Buon viaggio in cucina…

 

Dosi per  4 vasetti da 500 gr
Preparazione 2 ore
Cottura 5 minuti +  tempo di sterilizzazione
Difficoltà: facile

Ingredienti

  • 1 kg di peperoncini tondi rosi piccanti (circa 60)
  • 1 litro di aceto di vino bianco
  • 1 litro di vino bianco
  • 2 scatolette di tonno sott’olio da 160 gr cad.
  • 100 gr acciughe sotto sale
  • 8 olive verdi snocciolate
  • 2 cucchiai di prezzemolo tritato
  • 1 litro di olio di semi di girasole
  • 2 cucchiai di capperi sotto sale
  • Sale grosso

Procedimento

Mettetevi dei guanti e lavate accuratamente i peperoncini. Eliminate il picciolo, i semi e i filamenti bianchi interni creando delle piccole scodelline. Lavate nuovamente i peperoncini per eliminare completamente i semi.

Mettete in una casseruola il vino e l’aceto e portate a bollore. Unite 2 cucchiai di sale e scottatevi i peperoncini per un paio di minuti. Scolate i peperoncini e metteteli ad asciugare capovolti su uno strofinaccio asciutto e pulito per circa 1 ora e mezza.

Nel frattempo dissalate i capperi e le acciughe sotto acqua corrente fredda. Eliminate la lisca dalle acciughe e frullate acciughe e capperi nel mixer con le olive e tritate. Trasferite in una ciotola, unite il tonno sgocciolato e il prezzemolo. Create un composto omogeneo mescolando con una forchetta.

Una volta asciutti, riempite i peperoncini col composto di tonno aiutandovi con un cucchiaino. Mettete i peperoncini ripieni nei vasetti premendoli bene uno con l’altro in modo da evitare di lasciare dei vuoti d’aria.

Coprite con l’olio lasciando un dito dal bordo. Se l’avete posizionate le griglie apposite (si acquistano nei negozi di casalinghi) così da impedire ai peperoncini di salire in superficie.

Battete i vasetti sul piano di lavoro per eliminare le eventuali bollicine di aria. Lasciate riposare per alcune ore (meglio se tutta la notte). Se serve rabboccate i vasetti con altro olio, poi chiudete ermeticamente e mettete in una pentola ampia, coprendo completamente con acqua. Portate a bollore e proseguite per altri 30 minuti. spegnete il fuoco e lasciate raffreddare (meglio se tutta notte).

Togliete i vasetti dall’acqua, asciugateli e metteteli in luogo fresco e asciutto e consumateli dopo almeno un mese.

Si conservano in dispensa anche per 18 mesi.

E siamo pronti in tavola!

Note

  • Dopo l’apertura del vasetto: chiudete e mettete in frigorifero per un massimo di una settimana.
  • Con l’olio rimasto potete usare l’olio rimasto nei vasetti per condire una bella pasta al tonno, che prenderà un gradevolissimo sapore piccante.

0Shares

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *