Polpette di soia e amaranto

print

Le polpette di soia e amaranto sono un secondo piatto vegetariano goloso e salutare. Una panatura croccante e un cuore morbido e saporito, perfetto per una cena che non farà rimpiangere i soliti hamburger.
Buon viaggio in cucina…

Dosi per 4 persone
Preparazione 15 minuti + 30 minuti ammollo amaranto e soia
Cottura 10 minuti + 40 minuti lessatura amaranto
Difficoltà: facile

Ingredienti

  • 100 gr fiocchi di soia
  • 100 gr amaranto
  • 1 grossa carota
  • 1 patata lessata
  • ½ spicchio aglio
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • 1 cucchiaino di paprika affumicata (o di paprika dolce)
  • Olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaino di burro chiarificato (da sostituire con olio per i vegani)
  • Pangrattato
  • Sale
  • Pepe 5 colori

 

Procedimento

In una ciotola mettete i fiocchi di soia e copriteli abbondantemente con acqua calda. In un’altra ciotola mettete l’amaranto e il doppio di peso in acqua a temperatura ambiente. Lasciate riposare entrambi per 30 minuti. Lavate la carota, spuntatela, tagliatela a tocchetti. Sbucciate l’aglio e affettatelo. Frullate carota e aglio con il prezzemolo nel mixer e trasferite tutto in una ciotola capiente.

Trascorso il tempo di ammollo, lessate l’amaranto in acqua bollente e salata per 40 minuti, poi scolatelo molto bene. Nel frattempo strizzate bene i fiocchi di soia e metteteli nella  ciotola con le carote. Nella stessa ciotola mettete anche l’amaranto lessato e la patata sbucciata e passata al passapatate. Regolate di sale e pepe e amalgamate bene.

Scaldate 5 cucchiai di olio e il cucchiaino di burro chiarificato in una padella antiaderente e larga, poi cuocetevi le polpette per circa 5 minuti per lato su fiamma media. Prelevate un cucchiaio abbondante di composto e create delle polpette schiacciate alle estremità. Passate ogni polpetta nel pangrattato e radunatele in un piatto. Proseguite in questo modo fino ad esaurimento del composto.


Note

Servite subito, accompagnando con un’insalatina fresca, magari di radicchi.

  • Al posto dell’amaranto potete utilizzare della quinoa.
1Shares

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *