Polpettone alla fiorentina

print

Amo in modo particolare le ricette della tradizione regionale, di tutte le regioni d’Italia, perchè sono semplici, foriere di gusto e in grado di dare un volto nuovo con poche mosse alla solita cena casalinga. In questo caso vi propongo il polpettone alla fiorentina, ricetta della cucina povera toscana, ricco, umido e piatto familiare eccellente soprattutto  se accompagnato a una bella insalatina verde e a qualche fetta di pane toscano tostato.
Buon viaggio in cucina…

Dosi per 4 persone
Preparazione
Cottura 1 ora 15 minuti
Difficoltà: facile

Ingredienti

  • 350 gr macinato di manzo
  • 80 gr prosciutto crudo
  • 35 gr Parmigiano grattugiato
  • 100 gr mollica di pane raffermo
  • 1 uovo
  • 1,8 dl latte
  • 1/3 cucchiaino noce moscata in polvere o macis
  • 60 gr pangrattato
  • ½ cipolla dorata
  • 1/2 carota
  • ½ costa di sedano
  • 0,8 dl vino bianco (io Falanghina)
  • 330 gr passata di pomodoro (vedi note)
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale
  • Pepe nero

 

Procedimento

Mettete la mollica in una ciotola con il latte e lasciate ammorbidire. Nel frattempo tritate grossolanamente le verdure pulite e lavate.

Mettete in una ciotola il macinato e il prosciutto crudo tritato grossolanamente a coltello. Unite la mollica ben strizzata e tritata, il Parmigiano, l’uovo e la noce moscata. Regolate di sale e pepe e mescolate molto bene con le mani, ottenendo un composto omogeneo. Passatelo da tutti i lati nel pangrattato, facendo aderire bene.

Scaldate 6 cucchiai di olio in una padella, poi soffriggetevi il trito di verdure su fiamma media. Spostate sui bordi il soffritto e posizionate nel centro il polpettone. Rosolatelo bene da tutti i lati. Sfumate col vino, e quando non sentirete più l’odore dell’alcol, unite la passata di pomodoro. Regolate di sale e pepe e cuocete coperto per circa 1 ora. Tagliate a fette spesse un cm e servite con il sughetto creatosi in cottura.

Note

  • Nella bella stagione, al posto della passata di pomodoro, potete utilizzare 450 gr pomodori freschi: scottateli, eliminate pelle e semi interni e passateli al passaverdura.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *