Risotto al cavolo nero e speck sfumato con Rezio – Terrazze Retiche di Sondrio Bianco I.G.T.

print

Un risotto che richiama l’inverno e i suoi sapori decisi, sfumato con Rezio – Terrazze Retiche di Sondrio Bianco I.G.T della Casa Vinicola Nera che regala una grande aromaticità e un sapore a tutto tondo da gustare forchettata dopo forchettata. Un piatto che completerete con una generosa macinata di pepe verde, che non solo regala un bel punto di colore cromatico nel piatto, ma lo completa perfettamente vista la freschezza e la presenza non invasiva del classico piccantino regalato da questa spezia.

Dosi per 4 persone 
Preparazione 10 minuti
Cottura 30 minuti
Difficoltà: facile

Ingredienti

 

Procedimento

Lavate le foglie di cavolo nero, eliminate la costola centrale dura e tritate grossolanamente. In una casseruola fate scaldare il burro e lo speck, e appena inizia a sfrigolare unite il riso, mescolando continuamente per farlo tostare bene (servirà circa 1 minuto). Sfumate con Rezio – Terrazze Retiche di Sondrio Bianco I.G.T della Casa Vinicola Nera mescolate e appena non sentirete più il profumo alcolico del vino aggiungete il cavolo nero. Mescolate nuovamente, regolate di sale e incorporate un paio di mestoli di brodo caldo.

Fate cuocere il riso per il tempo indicato sulla confezione su fiamma media, mescolando molto spesso e unendo brodo caldo al bisogno. Ricordate che allo scoccare del termine di cottura il riso dovrà risultare leggermente morbido, non brodoso e non asciutto. A questo punto spegnete la fiamma, mantecate con burro e grana mescolando bene e completate con una generosa macinata di pepe verde.

Servite abbinando Rezio – Terrazze Retiche di Sondrio Bianco I.G.T della Casa Vinicola Nera con temperatura di servizio 8°-10°

Note

  • Ricordate che il cavolo nero migliore è quello che cresce dopo le gelate, quindi quello del pieno inverno, perchè le foglie diventano belle tenere.

Trovate la scheda completa di Rezio – Terrazze Retiche di Sondrio I.G.T. nella sezione Foodies, dove vi spiego tutto su questo vino sorprendente.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *