Rotolo di tacchino ripieno di speck e verza con patate alla curcuma

print

Il rotolo di tacchino ripieno di speck e verza è un secondo che si presenta molto bene, inoltre è anche molto buono, anche grazie alla salsina creata col fondo di cottura che lo rende meno asciutto.
Buon viaggio in cucina…

 

 

Dosi per 6 persone
Preparazione 20 minuti
Cottura 45 minuti
Difficoltà: media

Ingredienti

  • 4 fette di fesa di tacchino (circa 800 gr)
  • 6 foglie di verza
  • 100 gr speck affettato sottile
  • 1 bicchiere di vino bianco secco (io ho utilizzato un Greco di Tufo, ottimo da bere poi in abbinamento durante il pranzo)
  • ½ cipolla dorata
  • Brodo di carne caldo
  • Olio extravergine di oliva
  • 1 ½ cucchiai di burro
  • 1 cucchiaio di burro chiarificato
  • ½ cucchiaio di amido di mais
  • 2 kg di patate a pasta gialla
  • 3 cucchiaini di curcuma in polvere
  • Pepe nero
  • Sale

Procedimento

Pelate le patate con un pelapatate o a coltello, poi tagliatele a metà per il lungo e ciascuna metà in tre spicchi di uguale dimensione. Mettete in acqua fredda, scolate e ripetete l’operazione finché l’acqua rimarrà trasparente.

In una teglia per il forno (meglio se di alluminio) mettete qualche cucchiaio di olio, sale, pepe e la curcuma. Unite le patate sgocciolate e mescolate bene con le mani. Cuocete in forno caldo a 230° per 45-50 minuti. Verso fine cottura mettete anche la funzione ventilato, così si doreranno bene.

Nel frattempo tritate finemente la mezza cipolla.

Lavate le foglie di verza ed eliminatene la costa centrale dura. Scottate le foglie in acqua bollente salata per una decina di minuti, facendo attenzione che mantengano il colore verde brillante. Scolate le foglie e tritatele grossolanamente a coltello. In una padella soffriggete la cipolla a fuoco medio con 5 cucchiai di olio. Dopo un paio di minuti aggiungete la verza, regolate di sale e pepe e cuocete per 5 minuti, per fare insaporire bene al verdura. Lasciate intiepidire.

Col batticarne battete le fette di fesa, poi disponetele una accanto all’altra sopra un pezzo di carta forno. Coprite completamente con lo speck e nel centro mettete la verza. Arrotolate la carne su se stessa, ben stretta, poi fermatela con dello spago da cucina, così che in cottura il rotolo non si apra.

In una casseruola scaldate qualche cucchiaio di olio e un cucchiaio di burro chiarificato poi fate dorare il rotolo da tutti i lati (senza bucarlo con forchette o simili, usate delle palette per girarlo). Sfumate col vino e quando non sentirete più l’odore dell’alcol salate, pepate e coprite e cuocete a fiamma bassa per 30 minuti. Di tanto in tanto girate il rotolo e irrorate con un poco di brodo caldo.

A termine cottura prelevate il rotolo, posatelo su un piatto e fatelo raffreddare un poco. Aggiungete al fondo di cottura il burro. Prelevate un paio di cucchiai del fondo deglassato e scioglietevi in una ciotolina l’amido di mais, poi unite al resto del sughetto. Diluite con mezzo bicchiere di brodo caldo e fate addensare.

Tagliate il rotolo a fette spesse mezzo centimetro e servite col sughetto creato col fondo di cottura e le patate alla curcuma.

E siamo pronti in tavola!

Note

  • Per rendere ancor più goloso questo rotolo, potete provare a sostituire lo speck con del prosciutto crudo e aggiungere della scamorza affumicata sopra alla verza, creando un cuore fondente.

 

0Shares

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *