Sgombro in abbraccio di speck con soffritto al cavolfiore

print

Lo sgombro in abbraccio di speck con soffritto al cavolfiore è un piatto a tutto gusto e di abbinamento forse insolito, ma il risultato è squisito. Questo senza dimenticare che lo sgombro è un pesce azzurro e dal prezzo contenuto: salute e portafoglio contenti, assieme al palato.
Ma non è finita qui… con questa ricetta ho vinto la sfida alla Prova del Cuoco di martedì 17 gennaio 2017, con tanto di complimenti della giuria: “Il piatto della concorrente vince su tutto” detto dal presidente di giuria Federico Francesco Ferrero… ed è stata una soddisfazione infinita.
Buon viaggio in cucina…

Dosi per 4 persone
Preparazione 20 minuti
Cottura 20 minuti
Difficoltà: facile

Ingredienti

  • 4 sgombri da 200 gr cad.
  • 4 carote
  • 2 cipolle dorate
  • Mezzo cavolfiore
  • 150 gr speck affettato non troppo sottile
  • 1 cucchiaio di brodo granulare vegetale
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale
  • Pepe bianco

Procedimento

Sbucciate le cipolle, eliminate gli apici delle carote e tritate tutto grossolanamente, come una brunoise. Lavate il cavolfiore e riducetelo a cimette piccolissime.

Pulite gli sgombri e fateli a filetto, poi sciacquateli (oppure chiedete al pescivendolo di farlo dopo aver scelto i pesci). Tamponate i filetti di sgombro e avvolgete ognuno con un paio di fette di speck.

Ungete una padella larga con 6 cucchiai di olio e soffriggetevi le verdure per circa 10-15 minuti (dovranno rimanere abbastanza croccanti). Trasferite il soffritto al cavolfiore in una ciotolina e tenetelo in caldo. Unite un altro cucchiaio di olio nella padella e cuocetevi gli sgombri appoggiandoli dalla parte della pelle per circa 3 minuti, poi girateli molto delicatamente e proseguite la cottura per un altro minuto.

Servite accompagnando col soffritto al cavolfiore.

E siamo pronti in tavola!

Note

  • Per dare un tocco di colore potete unire anche un mezzo broccolo, sempre tagliato a cimettine piccole, però cuocetelo per alcuni minuti al vapore prima di unirlo alle altre verdure.

 

1Shares

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *