Spaghetti di Gragnano con ragù di maiale e lardo al profumo di curry

print

Uno spaghetto di Gragnano, ruvido, spettacolare per trattenere sughi di sostanza come questo ragù di maiale e lardo al profumo di curry, sono assolutamente perfetti per fare di un semplice piatto di pasta un capolavoro di gusto. Il pizzico di curry conferisce una nota orientale che si sposa a meraviglia col condimento. Buon viaggio in cucina…

 

Dosi per 4 persone
Preparazione 15 minuti
Cottura 45 minuti
Difficoltà: facile

Ingredienti

  • 400 gr spaghetti di Gragnano trafilati al bronzo
  • 360 gr macinato di maiale
  • 25 gr lardo di colonnata
  • 1 carota
  • 400 gr pomodori pelati (con loro liquido di governo)
  • 1 scalogno
  • 1 cipolla dorata piccola
  • 1 bicchiere di vino rosso robusto (io Primitivo di Manduria)
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale
  • 1 cucchiaino raso di curry in polvere
  • Peperoncino in polvere (facoltativo)

 

Procedimento

Sbucciate la cipolla e lo scalogno, poi tritatele grossolanamente. Tritate finemente il lardo. Spuntate la carota, lavatela e tritatela grossolanamente.

In una padella antiaderente scaldate 6 cucchiai di olio, soffriggetevi la carota e dopo qualche minuto anche cipolla, scalogno e lardo. Fate andare il soffritto su fiamma dolce per circa 5-6 minuti, alzate la fiamma e rosolate il macinato sgranandolo bene.

Sfumate col vino e quando non sentirete più il profumo alcolico unite i pelati schiacciati con la forchetta e il loro liquido di governo. Regolate di sale, unite il curry e spolverate col peperoncino se gradito. Fate andare su fiamma media, semicoperto per circa 30 minuti.

Lessate gli spaghetti in abbondante acqua bollente e salata, scolateli e saltateli nella padella col condimento per alcuni secondi, su fiamma alta, in modo da amalgamare bene i sapori.

E siamo pronti in tavola!

Note

  • Naturalmente potrete, anzi, dovrete, accompagnare il piatto col vino utilizzato per la ricetta. Scegliete quindi un vino di qualità, dal gusto robusto e tannico… ottimo anche un Amarone della Valpolicella

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *