In moto nell’alta valle del fiume Rabbi

viaggi 1 comment

print

Emilia Romagna (FC) – KM 45 – Castrocaro Terme – Rocca San Casciano – Premilcuore – Grotta Urlante

Questo percorso mototuristico vi farà conoscere strade non molto conosciute di una terra che più di ogni altra è legata ai motori: la Romagna. Attraverso curve, boschi e torrenti, ottimi anche per un bel bagno. 

 

 

Si parte da Castrocaro Terme (FC)  che con Terra del Sole è un comune oggi romagnolo, ma solo dal 1923, perché prima era della Toscana.

Da fare, il percorso attraverso il centro che porta alla Rocca di Montepoggiolo, nata probabilmente come torre di vedetta di Castrocaro. Nel 1482 diventa però vera e propria rocca grazie ad un ampliamento e con il rafforzamento della famiglia Medici rappresentò anche un avamposto per conquistare in prospettiva un accesso all’Adriatico.

Con la costruzione di Terra del Sole, che sorgeva a pochissima distanza, la rocca di Montepoggiolo diviene semplice vedetta, e lo rimane sino al suo disarmo nel 1772.

Lasciando Castrocaro Terme si inizia un bel giro nel precollinare romagnolo, arrivando fino a Rocca San Casciano (FC) un comune che apparteneva alla provincia di Firenze, fino a quando nel 1923 Mussolini ridefinì i confini fra Toscana e Romagna, facendo passare Rocca San Casciano all’Emilia-Romagna. Oggi è rinomata per la festa dei falò, che si svolge sulle rive del fiume Rabbi che lo solca. Qui val la pena di prendere un caffè in piazza prima di imboccare la strada che ci deve portare a Premilcuore.

La strada da percorrere è tortuosa e a tratti panoramica, lunga circa 20 km, conduce a Premilcuore (FC). Un piccolissimo paese presumibilmente fondato nel 215 d.C. dal centurione Romano Marcelliano che con alcuni soldati si sarebbe rifugiato lungo la boscosa e disabitata vallata del Rabbi per sfuggire alla vendetta dell’imperatore Caracalla che lo riteneva responsabile di aver fomentato una sommossa contro di lui. Qui  si dedicò alla pastorizia, all’agricoltura e alla caccia, attività ancora oggi praticate.

Di qui passò anche Caterina Sforza, che nel 1499 si impossessò del borgo mentre si apprestava a difendersi dall’attacco di Cesare Borgia.

A circa 10 minuti di moto da Premilcuore troviamo l’accesso per la Grotta Urlante, creata dal  fiume Rabbi che si incunea in un orrido creando 3 cascate, e il rumore che fa l’acqua nel muoversi crea, anche grazie alle pareti di roccia, una sorta di urlo, da qui il nome.

La più piccola si chiama invece Cascata della Seghina.

Il sentiero scende nel bosco fino ad arrivare al punto dove si può accedere anche all’acqua facendo il bagno. Naturalmente con cautela, ma la balneazione è consentita.

Con la Grotta Urlante si conclude il percorso, che può tuttavia proseguire fino anche a Castel dell’Alpe.

Dove mangiare

Hotel Ristorante La Rocchetta – Via Pieve,1 – Premilcuore – tel. 0543 960773: ambiente un po’ datato, ma la cucina è casalinga e consiglio assolutamente la fiorentina con le verdure alla griglia. Prezzo alto, ma normale per mangiare carne di questo tipo.

Informazioni

Sagra del Cinghiale – Premilcuore (FC) – il primo fine settimana di agosto con venerdì compreso

Festa del falò – Rocca San Casciano – aprile

 

Ricetta collegata

 

0Shares

One Comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *