Capesante all’aglio e prezzemolo

print

Le capesante all’aglio e prezzemolo sono un antipasto delicatissimo e molto saporito che fa risaltare il gusto di questo prezioso mollusco. Il sapore rimane delicato poiché l’olio è solo aromatizzato con l’aglio e con la cottura in padella la consistenza rimane morbidissima.
Buon viaggio in cucina…

 

 

Dosi per 2 persone
Preparazione 10 minuti
Cottura 10 minuti
Difficoltà: facile

Ingredienti

  • 4 capesante
  • 1 spicchi di aglio fresco
  • 1 cucchiaio di prezzemolo fresco tritato
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 2 cucchiai di vino bianco
  • Sale
  • Pepe bianco

 

Procedimento

Con la punta di un coltellino staccate le capesante dalla valva, poi sciacquate tutto sotto acqua corrente fredda. Asciugate le conchiglie con della carta da cucina e tenete da parte. Tamponate anche i molluschi.

In un pentolino mettete l’olio e lo spicchio d’aglio sbucciato. Fate scaldare su fuoco basso e appena l’aglio comincia a dorare eliminatelo con una forchetta. Salate, pepate e unite il prezzemolo tritato e il vino. Cuocete per un altro minuto aumentando un poco la fiamma. Mettete un cucchiaino di pangrattato sul fondo di ogni conchiglia.

In una padella mettete 2 cucchiai di olio aromatizzato (con meno prezzemolo possibile) e quando sarà caldo cuocetevi per 2 minuti per lato le cappesante a fuoco medio. Mettete un mollusco in ogni conchiglia, irrorate con un cucchiaino di olio aromatizzato col prezzemolo e servite subito.

E siamo pronti in tavola!

Note

  • Se la capasanta è cotta al punto giusto dovrà essere morbida, di consistenza burrosa e croccante su ambo i lati.
  • Le capesante vengono chiamate anche Saint Jacques, ossia conchiglie San Giacomo. Famose per coloro che seguono il programma televisivo Hell’s Kitchen perché cruccio di tutti i partecipanti e piatto fisso per il grande chef Gordon Ramsay. Sono molluschi che amano vivere in acque non troppo salate. Preferiscono infatti le foci dei fiumi che confluiscono in mare. Sono delle bivalve con una valva piatta e una convessa. Quest’ultima è quella che serve poi il servizio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1Shares

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *