Confettura di pere allo zenzero

print

Una confettura dal gusto delizioso, a tratti leggermente piccante grazie alla presenza dello zenzero. Questa come altri tipi di marmellate che vi proporrò, sarà la mia bomboniera di nozze. L’originale idea è stata di Emanuela (una ex collega), e l’ho accolta a braccia aperte, soprattutto perché in questo modo non devo fare la solita bomboniera che finisce  in un angolo impolverato di casa.
Buon viaggio in cucina…

Dosi per 4 vasetti da 300 gr cadauno
Preparazione 40 minuti + tempo per autosterilizzazione
Cottura 20 minuti
Difficoltà: facile

Ingredienti

  • 1,5 kg di pere William mature e sode
  • 40 gr zenzero fresco
  • 500 gr zucchero semolato
  • 16 gr gelificante per marmellate (preferibilmente biologico)
  • 1 limone
  • 1 tazzina da caffè di grappa (non aromatizzata)

 

Procedimento

Spremete il limone eliminando i semi e raccogliendo il succo in una grossa ciotola.

Tagliate ogni pera in quattro spicchi, eliminate il torsolo, il picciolo e il filamento interno duro, sbucciateli e riduceteli a dadini molto piccoli. Dovrete ottenere 1 kg di polpa esatto.

In una pentola a bordi molto alti mettete le pere a pezzettini, lo zucchero e il gelificante. Sbucciate lo zenzero e grattugiatelo direttamente nella pentola, mescolando il tutto con un cucchiaio di legno.

Accendete il fuoco a fiamma media e fate cuocere per 3 minuti da quando inizia il bollore. Ponete attenzione alla schiuma che si crea in cottura, affinché non fuoriesca dalla pentola.

Terminata la cottura spegnete il fuoco, unite la grappa e mescolate col cucchiaio di legno finché la schiuma sarà quasi completamente dissolta.

Imbottigliate la confettura ottenuta utilizzando vasetti sterilizzati e asciutti, e chiudendo molto bene. Capovolgete i vasetti chiusi e teneteli così per circa 10 minuti, poi metteteli dritti (questa è la tecnica dell’autosterilizzazione, e non richiede bollitura a bagnomaria). Potrete consumare la confettura dopo un paio di giorni di riposo.

E siamo pronti in tavola!

Note

  • Conservate i vasetti in luogo fresco e buio per circa un anno. Scrivete sopra ad ogni vasetto il nome della marmellata, il mese e l’anno di produzione, sempre.
  • Unire la grappa aiuta per il mantenimento del colore chiaro della frutta, oltre ad aiutare la sterilizzazione.
  • Se lo zenzero non vi piace potete sostituirlo con la scorza grattugiata di 2 limoni, oppure eliminarlo e basta.
  • Può essere una variante anche sostituire lo zenzero con 2 cucchiaini di cannella in polvere.
  • Io amo molto le confetture con i pezzettini frutta, ma se per voi non è così potete grattugiare gli spicchi di pera puliti e sbucciati, provvedendo comunque a mescolare la purea nel succo di limone, così non scurisce.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *