Torta ortigara

print

Il monte Ortigara fu teatro della più aspra battaglia combattuta sull’Altopiano durante la Grande Guerra. Al fine di ricordare questo triste episodio le sorelle Susanna e Caterina Carli, nel 1920, decisero di chiamare ortigarala torta che producevano fin dal 1909. Oggi il nome della torta Ortigara è inscindibile da quello di Asiago, ma soprattutto è una sorpresa di gusto e morbidezza all’assaggio. Buon viaggio in cucina…

Dosi per 6 persone (tortiera 26 cm diametro)
Preparazione 15 minuti
Cottura 35 minuti
Difficoltà: facile

Ingredienti

  • 170 gr farina 0
  • 170 gr zucchero di canna
  • 150 gr burro fuso (possibilmente di eccellente qualità)
  • 100 gr farina di mandorle (vedi note)
  • 2 uova intere + 1 tuorlo
  • 1 cucchiaio di mandorle a lamelle
  • Scorza grattugiata di 1 limone (NON trattato)
  • 8 gr lievito per dolci (preferibilmente biologico)

+ zucchero a velo

Procedimento

Stacciate la farina e la farina di mandorle, tenete da parte. Sbattete uova e zucchero con una frusta a mano, poi unite il burro fuso sempre mescolando con la frusta. Unite anche la farina, il lievito e la scorza di limone grattugiata. Mescolate bene per creare un composto omogeneo.

Imburrate e infarinate uno stampo (io a cerniera: fondo foderato con carta forno – diametro 26 cm), versatevi il composto, distribuite sulla superficie le mandorle a lamelle e cuocete in forno caldo a 175° per 35 minuti.

Sfornate, sformate dallo stampo e fate raffreddare. Prima di servire spolverizzate con zucchero a velo.

E siamo pronti in tavola!

Note

  • Farina di mandorle: se non la trovate, frullate 100 gr di mandorle spellate con 20 gr dei 170 che dovete utilizzare.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *