Crescentine bolognesi

print

A Bologna si chiamano crescentine, e sono una tipicità semplice e rustica, accompagnata a salumi e consumata come antipasto se fatte a pezzettini piccoli, o come piatto unico se più grandi. La tradizione vuole una frittura nello strutto, che oggi viene molto più sovente sostituita da quella in olio, ma rimane che all’assaggio saranno irresistibili.
Buon viaggio in cucina…

Dosi per 4 persone (circa 30 crescentine)
Preparazione 20 minuti + 2 ore lievitazione
Cottura 30 minuti
Difficoltà: media

Ingredienti

  • 500 gr farina 0
  • 15 gr lievito di birra fresco
  • 200 gr latte intero
  • 100 gr acqua minerale naturale
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaino di sale fino

+ olio di arachidi per friggere (la tradizione vorrebbe lo strutto)

 

Procedimento

Mettete in una ciotola la farina e il sale, mescolate e unite il lievito sbriciolato, l’olio, l’acqua e il latte. Mescolate con una forchetta, poi trasferite su una spianatoia e impastate sino ad ottenere un composto liscio e omogeneo, dalla consistenza abbastanza soda. Fate una palla e lasciate lievitare coperto da canovaccio pulito e umido per circa 2 ore.

 Trascorso il tempo di lievitazione stendete l’impasto su una spianatoia infarinata, aiutandovi con un mattarello, fino a raggiungere lo spessore di 0,5 cm circa. Tagliate con una rotella ottenendo dei rettangoli di circa 10 x 13 cm.

Mettete alcune crescentine in olio ben caldo e friggete da ambo i lati per un paio di minuti, facendo dorare per bene. Scolate su carta assorbente e trasferite in un contenitore di ceramica spessa e tiepido, in modo che venga mantenuto il calore. Procedete in questo modo sino ad esaurimento delle crescentine, che salerete leggermente prima di servire.

E siamo pronti in tavola!

Note

  • Le crescentine vengono chiamate così a Bologna, ma in altri luoghi vengono generalmente chiamate gnocco fritto.
  • Se le fate di dimensione piccola, indicativamente 5 x 5 cm, le potrete utilizzare come aperitivo. Nella dimensione che vi ho dato nel procedimento potrete invece servirle come secondo piatto o piatto unico.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *