A spasso tra le curve dell’Appennino Tosco-Emiliano

viaggi 0 comments
print

Emilia Romagna (BO) Toscana (PT) Km 68: Grotte di Labante – Porretta Terme  – Parco Zoologico di Pistoia 

Si inizia da un gioiello dell’Appennino bolognese semisconosciuto, le Cascate di Labante per poi percorrere stradine secondarie che regalano eccezionali panorami fino ad arrivare al Parco Zoologico di Pistoia sulla SS64.

Da Vergato, pochi chilometri ci separano dalle Cascate di San Cristoforo di Labante (BO). Luogo poco conosciuto ma molto suggestivo. Imbocchiamo la Sp25 che si diparte dalla SS64 che attraversa Vergato (BO) per poi prendere la SP68, fino ad arrivare al parcheggio accanto alle cascate. Lo spettacolo che abbiamo davanti agli occhi è veramente meraviglioso…

Le acque della sorgente di San Cristoforo di Labante, contengono molto calcare poiché questi sono erano luoghi di estrazione del travertino. Il calcare depositatosi nel corso del tempo ha poi creato le cascate, che prendono il nome dalla sorgente.

La cava di travertino è ormai chiusa da oltre 20 anni, cessazione che ha poi consentito la preservazione di un luogo così suggestivo e particolare. Non dobbiamo però dimenticare, che il materiale da qui estratto è stato utilizzato anche per le tombe etrusche dei Giardini Margherita di Bologna. I colori sono incredibili, si va dal verde in varie declinazioni al rosato e l’acqua è trasparentissima.

In una caverna creata accanto alle grotte è normalmente presente anche una statua della Madonna, e inoltre, si può accedere, tramite un piccolo ponte di legno, appena dentro la grotta principale (seguite lo steccato, vedrete il ponticello).

Da questo angolo di paradiso, nascosto e poco conosciuto, procediamo tra strade di collina con meravigliosi panorami per arrivare poi a Porretta Terme (BO), la tappa successiva. Il tragitto non è particolarmente lungo, ma la natura che si incontra è bellissima, soprattutto se si fa in primavera come l’abbiam fatto noi.

D’obbligo è una fermata, così possiamo goderci il primo sole di stagione e i profumi di erba fresca e fiori che col calore diventano intensi.

A Porretta Terme si accede dal lato di Bologna dalla SS64 e in qui i motociclisti si sprecano, essendo strade molto frequentate dai biker provenienti sia dal bolognese che dal pistoiese, che è di confine.

Le sue acque curative sono conosciute fin dai tempi antichi, addirittura al tempo dell’Antica Roma, ma è molto più recente la leggenda di epoca medievale, la quale narra di un bue malato che, lasciato libero dal suo padrone, andò a dissetarsi in una delle fonti termali che qui sgorgavano. Ritornò così dal suo padrone guarito. Il bue che si abbevera alla fonte termale è a tutt’oggi il simbolo del Comune.

Il centro è solcato dal fiume Reno che poi arriverà fino in pianura per accarezzare Bologna.

A Porretta normalmente ci fermiamo sempre per pranzo, perché la Trattoria Toscana è un must assoluto per la cucina casalinga eseguita interamente a mano, inclusi dei tortellini in brodo da far girare la testa.

Nel pomeriggio, infilati i caschi, ci apprestiamo a proseguire sulla SS64 che attraversa l’Appennino, scollinando in Toscana, precisamente in quel di Pistoia. La discesa è molto divertente, fatta di tornanti nel verde e a un certo punto si ha una bella vista panoramica.

Raggiunta la valle, a pochi chilometri troviamo il Parco Zoologico di Pistoia.

Il parco nasce nel 1970, si estende su una superficie di circa 75.000 mq. di verde lussureggiante. Al suo interno vivono in splendida armonia un gran numero di specie animali differenti: 65 di mammiferi, 40 di uccelli e 30 di rettili.

Strutturato in un percorso con mappa, ci sono punti sosta con panchine, ristorante e bar per una pausa. E con questa lunga passeggiata alla scoperta della fauna del mondo si conclude il percorso.

Dove mangiare

Trattoria Toscana – Piazza della Libertà, 7 Porretta Terme (BO) – tel. 0534 22208: piatti della tradizione bolognese eseguiti a mano con grande sapienza. Mangiare qui non solo è irrinunciabile, ma anche una garanzia. Eccellenti i primi della tradizione, dai tortellini in brodo alle tagliatelle con diversi condimenti. Ottimi i secondi e i dolci sono fatti in casa. Consigliatissimo, anche per rapporto qualità/prezzo.

Informazioni utili

Parco zoologico di Pistoia 

Prodotti tipici

  • Tigelle
  • Crescentine
  • Salsiccia

Ricette collegate

 

0Shares

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *